Sound Expert

Che si tratti di scegliere la playlist per il vostro evento aziendale o l’audio logo per il vostro brand, è importantissimo sapere di potersi affidare a un esperto di suono che sappia come creare il giusto contesto e che sappia comunicare correttamente attraverso la musica.

Ogni suono, e quindi ogni canzone, può creare atmosfere e indurre l’ascoltatore in uno stato d’animo favorevole o sfavorevole. E’ per questo che è necessaria una competenza che non tutti hanno e che non può essere affidata a una playlist di Spotify.

Il DJ (Disk Jockey), o deejay, è un professionista del settore musicale che intrattiene il pubblico selezionando la musica e mixando alla console diversi brani, sequenze e tracce musicali. Tipicamente i DJ lavorano in locali e discoteche, per emittenti radiofoniche, oppure vengono ingaggiati per l’animazione musicale di eventi (concerti, matrimoniparty privati…).

Esistono infatti diversi sbocchi professionali per chi lavora alla console: si può diventare DJ resident in locali e club, offrirsi come DJ e Performer per serate e feste, lavorare come DJ radiofonico e speakeroppure intraprendere la carriera del DJ producer.

Quando lavora in discoteche, locali o alle feste, il DJ seleziona i brani musicali e unisce le sequenze utilizzando tecniche di missaggio ed effetti sonori per far ballare e divertire le persone. Durante il dj set, la sua principale responsabilità è infatti quella di proporre della musica adatta al locale o all’evento e soprattutto ai gusti del pubblico. Un bravo DJ è in grado di capire cosa piace al pubblico e creare il mood giusto sulla pista, ma anche di accompagnare musicalmente la serata nel modo migliore – ad esempio annunciando le canzoni, creando picchi di attenzione per momenti chiave come l’ingresso di special guests, brindisi ecc.

Naturalmente, per fare questo il DJ deve non solo padroneggiare le tecniche di mixaggio per riprodurre le tracce senza soluzione di continuità e garantire cambi puliti tra le canzoni, ma anche conoscere molto bene i generi musicali e le hit del momento da inserire nella playlist per la serata. Molti DJ si specializzano quindi in un genere particolare: ad esempio musica dance, technohousehip hop, latino americano

La maggior parte dei DJ possiede una attrezzatura propria: la strumentazione professionale del DJ comprende la console con CDJ e mixercavimicrofoni e cuffie e altre attrezzature varie come sintetizzatori, drum padgroovebox, amplificatori.

Chi lavora come DJ a domicilio o DJ per eventi, feste private, matrimoni, compleanni deve portare con sé la propria strumentazionemontarla e smontarla. Chi lavora in discoteche e club invece di solito utilizza l’attrezzatura per DJ messa a disposizione dal locale.

In ogni caso, alcune ore prima dell’inizio del dj set il DJ si reca sul luogo dell’evento per effettuare il sound check e alcune verifiche all’impianto: si assicura che i cavi siano funzionanti e collegati correttamente, regola il volume delle casse e se necessario si accorda con i tecnici del suono e delle luci per definire tutti i dettagli della performance live – ed evitare così spiacevoli inconvenienti.

Il Dj ha il compito di mandare in onda una playlist concordata con lo staff del programma radiofonico o seguendo le richieste del pubblico, coordinando la musica con gli stacchi pubblicitari e con gli interventi del conduttore.

Inoltre, un DJ in radio può ricoprire anche il ruolo di fonico (il professionista che deve assicurare che i microfoni siano funzionanti, che il segnale in uscita sia pulito ecc.) o di speaker radiofonico. Il presentatore radiofonico conduce il programma e annuncia news alla radio, fornisce notiziari informativi e aggiornamenti su vari argomenti (politica, meteo, traffico, sport, musica, intrattenimento), conduce interviste con gli ospiti in studio o in collegamento telefonico e interagisce con gli ascoltatori.

Infine, alcuni DJ possono scegliere di diventare DJ producer, intraprendendo una carriera più simile a quella del musicista/compositore e produttore di se stesso.

Un DJ producer deve innanzitutto conoscere i principali software per la produzione di musica dance o elettronica (DAW, che sta per Digital Audio Workstation). Tra i principali DAW che consentono di comporre musica elettronica ci sono Ableton Live, Audacity, Logic Pro, Pro Tools, FL Studio, Cubase e Bitwig Studio. Molti DJ producer ora famosi hanno cominciato producendo la propria musica e le proprie tracce dance a casa o in un piccolo studio, ma questo è solo il primo passo. Il DJ producer deve saper creare dei pezzi orecchiabili, instaurare collaborazioni con i migliori vocalist che sappiano valorizzare la musica, e soprattutto deve saper diffondere, promuovere e far conoscere le proprie canzoni. Si tratta di una prospettiva attraente per molti giovani appassionati di musica dance, ma la competizione è alta e solo pochi riescono davvero ad emergere diventando DJ famosi in tutto il mondo.